News Generiche

Formazione Giornalisti: corsi sulla lingua italiana all'Accademia della Crusca

Accordo tra Odg Toscana e Accademia della Crusca per la formazione 2015

Dopo l'Università di Firenze, anche l'Accademia della Crusca entra nella formazione obbligatoria dei giornalisti: il Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti della Toscana ha infatti stretto un accordo con la più prestigiosa istituzione della lingua italiana per la realizzazione di corsi di formazione nel 2015.
 
Un accordo salutato con grande favore dal Consiglio della Toscana perchè realizzato con il più antico e prestigioso Ente a tutela della lingua italiana.
 
“Anche noi siamo molto soddisfatti di questo nuovo rapporto – ha commentato Claudio Marazzini, presidente dell'Accademia della Crusca di Firenze, in un video pubblicato sul canale di Odg Toscana – l'Ordine della Toscana è stato l'unico a pensare di dedicare dei corsi alla lingua italiana nell'ambito della formazione obbligatoria dei giornalisti”
 
I corsi inizieranno ad aprile e si terranno nella sede dell'Accademia della Crusca, la bellissima Villa Medicea di Castello, in via di Castello 46, a Firenze.
 
Argomento principe sarà proprio la lingua italiana e il suo utilizzo nell'ambito non solo del lavoro giornalistico ma anche della realtà moderna.
 
Ecco il calendario dei corsi 2015 organizzati da Odg Toscana e Accademia della Crusca:
 
14 aprile: “Il giornalista di fronte all'italiano contemporaneo: norma, scelte e strumenti”
 
27 aprile: “La lingua del diritto com'è, com'è stata e come dovrebbe essere”
 
25 maggio: “Luoghi comuni, conformismo e discriminazione linguistica”
 
15 giugno: “Linguaggio di genere: le necessità dei tempi e la lingua italiana”
 
21 settembre: “La lingua dei giornalisti come modello di scrittura”
 
Ciascun corso sarà tenuto da un esponente dell'Accademia e da un giornalista.
 
“Ci auguriamo che questi corsi possano servire da stimolo anche ad altri Ordini regionali affinchè mettano in primo piano il tema della lingua italiana – ha concluso Marazzini – In fondo, il giornalista lavora usando la lingua e quindi è importante che si ponga problemi su come utilizzare bene il suo mezzo primario di comunicazione con il pubblico”.
 
L'iscrizione ai corsi in programma deve avvenire tramite il sistema SIGEF, via via che saranno caricati. 


Notizia pubblicata il 24/02/15
Stampa Pagina Stampa questa pagina

< Torna all'indice